Per il sostegno dei bambini haiti, serve l’aiuto di tutti

Dopo il tragico terremoto che ha devastato Haiti il 12 Gennaio 2010, l’emergenza non si placa e la terra continua a sussultare.

SOS Villaggi dei Bambini è attiva per il sostegno dei bambini in difficoltà grazie alle adozioni a distanza ad Haiti da 30 anni con 2 Villaggi SOS, uno a Port-au-Prince sorto nel 1982, la capitale ed epicentro del terremoto, e uno a Cap Haiti nato alla fine degli anni 80. Entrambi i Villaggi, le scuole e le case famiglie sono sicure e accoglieranno altri bambini durante la costruzione di ulteriori rifugi.

La situazione dei bambini di Haiti al momento è grave, secondo un rapporto dell’Ufficio delle     Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ci sono 40.000 bambini soli che vivono in situaizoni di emergenza e decisamente precarie, all’interno di rifugi di fortuna, orfanotrofi o istituti. I bambini soli sono attualmente di più di quanti ne possano essere accolti nelle strutture d’emergenza.

SOS Villaggi dei bambini è decisa, insieme ad altre ONG, a cambiare la situaizone. Oltre ai 1.000 bimbi che vivono già nei Villaggi SOS grazie all’adozione a distanza, l’obiettivo in questo momento è quello di accogliere e sostenere altri 5.000 bambini e adolescenti e 2.000 adulti per sostenere il riavvicinamento famigliare.

SOS Villaggi dei Bambini fornirà generi alimentari alla popolazione in aree in cui non era  presente in precedenza, fino a raggiungere 20.000 bambini e 12.000 adulti aiutati.

In questo momento l’adozione a distanza a Haiti per il sostegno dei bambini è di fondamentale importanza, SOS Villaggi dei bambini era presente prima del terremoto, durante l’accadimento e continuerà a esserlo per molti anni, per sostenere i bambini nelle loro comunità d’origine finchè non saranno adulti indipendenti grazie anche prezioso contributi delle adozioni a distanza.